Esami - Katadoryu

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gallery > 2007
Esami 
Che bella storia . . . .

È proprio una bella storia quella che può vantare questa grande famiglia che si chiama Katadoryu.
Anche quest’anno si sono svolti gli esami e la Cerimonia della consegna delle cinture.
Ogni anno le emozioni si rincorrono , e quello che può sembrare ormai un rito ripetitivo si rinnova di nuova luce e significati.
Tre giorni di esami svolti con un’atmosfera di altri tempi , mi sembrava di essere tornato indietro negli anni , quando tutto ha avuto inizio.
La cerimonia cosi solenne da far dimenticare di trovarsi in un locale adibito a festa , bambini felici e ragazzi orgogliosi di trovarsi li in quel momento.
Molta solennità , pochi fronzoli , poche parole , tanta emozione e soprattutto tanta attenzione.
La mia mente elaborava le immagini davanti ai miei occhi e mi rimandava i pensieri di un anno molto intenso , dove le amarezze mi avevano quasi fatto venir voglia di abbandonare tutto questo ambiente fatto di falsità , dove tutto si dimentica in fretta o si baratta per qualsiasi cosa.
È stato un anno particolare , dove il nostro Do è stato messo a dura prova , ma alla fine tutto torna al suo posto e tutto prende forma.
È facile guidare una nave quando il mare è calmo , ma quando la burrasca mette a dura prova il suo percorso bisogna tener duro e mantenere la rotta , e in questi momenti il capitano Deve essere presente e prendersi tutte le responsabilità . Non si tratta di mettersi davanti a tutti , ma cercare di fare da guida conscio dei propri limiti , è questo il ruolo del vero maestro , è bene ricordarlo in un momento dove ci si attribuisce il titolo di sensei con troppa facilità.
Vedere lo sguardo felice dei bambini , la fierezza dei ragazzi nel sentirsi parte di un gruppo che è una vera famiglia , è una gioia più grande di qualsiasi trofeo.
Gli esami sono stati un vero e proprio spettacolo , molti ritengono che i ragazzi vengono sottoposti a prove impegnative e forse è vero , ma i nostri allievi possono vantare una preparazione di tutto rispetto da far invidia alle grandi federazioni.
La Katadoryu è diventata ormai un punto di riferimento , lo stile da noi creato ha avuto molti proseliti nel corso degli anni , abbiamo numerosi estimatori come tanti detrattori , però tutti guardano il nostro modo di fare Karatè , sintomo che siamo sempre un punto di riferimento.
Quello che prima veniva chiamato Turrà – ryu o di wado – ryu diverso dall’originale , adesso viene visto come ricerca seria ed attenta dei principi fondamentali del nostro stile .
Chi sosteneva che i kata erano “modificati” per le gare si è reso conto che erano affermazioni dettate solo da ignoranza .
La nostra Scuola cerca di seguire un percorso di studi più vicino possibile alle idee del Fondatore del Wado – ryu , senza fermarsi in maniera sciocca a guardare filmati dove si coglie solo il braccino più o meno piegato del Maestro.
Lo studio dei kata è fatto esclusivamente dalla voglia di trovare un significato vero all’accozzaglia di mosse fatte senza senso , le gare diventano motivo per divulgare gli studi fatti nel Dojo , e la nostra Storia dice che abbiamo rinunciato a numerose medaglie pur di non tradire il nostro Do (vedi mondiali per clubs 2005).
Sono stato uno dei primi a Sostenere ed Insegnare che le medaglie e i trofei se fatte solo per vincere ed essere primi in classifica non hanno nessun significato (ultimo i Campionati Mondiali WTKA 2007) .
Lo stile Katadoryu ha fatto del Do una bandiera vivendolo in pieno ogni giorno e la Colomba che si erge sul nostro logo è unica e inconfondibile poiché appartiene Solo alla nostra Scuola.
Oggi ho rivisto quello spirito , bisogna sempre rimboccarsi le maniche e ricominciare ,
vedendo questa grande famiglia è proprio un bel ricominciare.
Nel corso di questi quindici anni ho dovuto farlo molte volte , tante purtroppo sono state le illusioni e le delusioni , ma se il maestro può accusare i colpi di umani sentimenti , il Do va avanti sempre più forte , e lo sguardo di quei bambini , dei ragazzi e dei loro genitori oggi mi hanno dato l’ennesima conferma.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu